PASSO SAN PELLEGRINO & ALPE DI LUSIA

PASSO SAN PELLEGRINO
La stagione estiva della Ski Area San Pellegrino è ricca di proposte interessanti per vivere la montagna in tutte le sue sfaccettature e ritagliarsi un po' di tempo in totale relax.

Dalle semplici passeggiate, ideali anche per bambini piccoli e passeggino, alle escursioni in quota a piedi o in mountain bike, dai parchi tematici alla scoperta delle Dolomiti ai sentieri sulle tracce della Grande Guerra, dalla visita alle malghe alla degustazione dei piatti tipici nei rifugi: c’è solo l’imbarazzo della scelta per chi decide di trascorrere qualche giorno di vacanza a Falcade e Passo San Pellegrino.

Chiudete gli occhi e immaginate immense distese verdi, prati fioriti, laghetti alpini, boschi rigogliosi, maestose vette e paesaggi straordinari…. adesso riapriteli e prendete nota di ciò che non dovete assolutamente perdere!

ALPE DI LUSIA

A pochi minuti di macchina da Moena, nel cuore della Val di Fassa, l’Alpe di Lusia è un luogo fatato per le famiglie con bambini di ogni età. Non solo per l'incantevole paesaggio, gli ampi prati verdi e le cime maestose da cui è circondata, ma soprattutto per l'intreccio di storie e leggende, i tanti giochi e le divertenti attività che offre durante la stagione estiva.
APERTURA IMPIANTI DI RISALITA - ESTATE 2018

Funivia Col Margherita - Passo san Pellegrino
dal 23 giugno al 16 settembre 2018
ore 9.00 / 12.30 e 13.45 / 17.30

Seggiovia Costabella - Passo San Pellegrino
dal 24 giugno al 16 settembre 2018
ore 8.30 / 12.50 e 14.00 / 17.30

Cabinovia Ronchi Alpe di Lusia 
dal 17 giugno al 16 settembre
ore 8.30/13.00 e 14.00 - 18.00

ALPE DI LUSIA 

Si sale facilmente in quota con la moderna cabinovia che collega località Ronchi con lo Chalet Valbona (1820 m), fino a raggiungere il punto più alto e panoramico a Le Cune (2200 m). Da qui parte il bel Sentiero degli Animali, un percorso in discesa, della durata di circa un’ora e 20 minuti, percorribile anche con il passeggino, lungo il quale sono posizionati alcuni cartelli che spiegano ai bambini quali sono gli animali che vivono in montagna e le loro abitudini. Ad ogni stazione, un indovinello fa scoprire un nuovo animale, l’orso, la lepre, il capriolo e molti altri… trasformando questa passeggiata in una piccola avventura in mezzo al bosco.

Il punto di arrivo è lo Chalet Valbona, ottimo ristorante self service e bar con terrazza panoramica dove rilassarsi gustando un piatto tipico trentino e far giocare i più piccoli nell’ampio giardino dotato di slackline, ponti tibetani e teleferica, oltre a un mini zoo con galline, asini, caprette e pecore. Dallo Chalet Valbona parte anche un altro percorso pressoché pianeggiante, il Sentiero della Natura, che in circa 50 minuti porta a Colvere.

PASSO SAN PELLEGRINO

Col Margherita Park
Facilmente raggiungibile in funivia dal Passo San Pellegrino, il Col Margherita Park (2514 m) è un parco tematico realizzato in collaborazione con il MUSE museo delle scienze di Trento con l’intento di trasmettere in modo giocoso nozioni scientifiche sulla storia e sulla geologia delle Dolomiti attraverso un percorso fatto da 3 diverse installazioni capaci di stuzzicare la curiosità di grandi e piccoli, tra vulcani, ghiacciai, isole, fondali marini, ere geologiche e testimonianze fossili.

ISOLE O MONTAGNE?
Si inizia con un immaginario viaggio nel tempo lungo un sentiero di circa 30 metri. Ogni metro di questo sentiero corrisponde a 10 milioni di anni e percorrendolo, passo dopo passo, è possibile scoprire le diverse ere geologiche e le principali tappe che hanno caratterizzato la nascita delle Dolomiti Patrimonio Unesco.

IN EQUILIBRIO SUL TEMPO
Si prosegue con un’entusiasmante sfida contro il tempo alla ricerca di fossili e reperti che contraddistinguono i 9 gruppi dolomitici, ricchissime testimonianze di antiche forme di vita preservate nella crosta terrestre dopo la loro morte.

IL TIMONE DELLE DOLOMITI

Sul punto più alto e panoramico del Col Margherita, a 2550 metri, si trova infine un’enorme ruota interattiva, il Timone delle Dolomiti, che consente di giocare con i profili delle cime dolomitiche che si stagliano tutt’attorno, visibili con un solo sguardo a 360˚, provando a indovinarne i rispettivi nomi.

I Sentieri della Grande Guerra
Dalla stazione a monte della seggiovia Costabella e della funivia Col Margherita partono poi interessanti escursioni di interesse storico che ripercorrono le tracce dei cruenti scontri avvenuti durante la Prima Guerra Mondiale tra l’esercito italiano e le truppe austro-ungariche. Strada facendo si trovano numerosi resti di opere belliche quali trincee, baracche, scale e passatoie in legno, postazioni per mitragliere e ricovero di persone e munizioni: un vero e proprio museo all’aperto avvolto nel silenzio delle cime dolomitiche. Assolutamente consigliate l’Alta Via Bruno Federspiel, l’Alta Via Bepi Zac e l’Alta Via Mariotta.